Identità:

Home > Articoli > Il lavoro di gruppo ha bisogno di un facilitatore

Il lavoro di gruppo ha bisogno di un facilitatore

per diventare facile e efficace

di Studio Tandem

Una riunione di lavoro, l’incontro tra un gruppo di persone che devono decidere assieme, un tavolo di lavoro tra diversi portatori di interesse, sono momenti di grande ricchezza e possono portare grandi benefici ma spesso si trasformano in inutili perdite di tempo e momenti frustranti e squalificanti.

La presenza di un facilitatore può cambiare le cose e rendere il lavoro di gruppo più facile e concreto.
Ma qual’è il compito di un facilitatore all’interno di un gruppo?

Garantire la piena partecipazione

Facilitare è garantire la piena partecipazione

L’esperienza di lavorare in gruppo diventa arricchente ed efficace se riesce a raccogliere il contributo di tutti i partecipanti e se ognuno dei componenti del gruppo può dare il proprio contributo.
La presenza di un facilitatore nel gruppo crea le condizioni e garantisce che tutti i componenti del gruppo possano esprimere il proprio punto di vista e possano contribuire concretamente al lavoro che il gruppo sta facendo.

Permettere la comprensione reciproca

Facilitare è permettere la comprensione reciproca

Il facilitatore permette e favorisce la piena comprensione reciproca all’interno del gruppo. Attraverso la piena comprensione il lavoro di gruppo diventa un momento costruttivo, utile ed efficace per elaborare soluzioni e per giungere a conclusioni sostenibili.

Promuovere la ricerca di soluzioni inclusive

Facilitare è promuovere la ricerca di soluzioni inclusive

Il facilitatore stimola e promuove la ricerca di soluzioni inclusive, frutto del contributo di tutti: soluzioni che nascono dalla rielaborazione e dalla sintesi dei bisogni, delle riflessioni e dei diversi punti di vista presenti all’interno del gruppo.

Sviluppare la responsabilità reciproca

Facilitare è sviluppare la responsabilità reciproca

Per rendere efficaci le scelte e le decisioni prese all’interno di un gruppo, e per renderle concrete, è necessario vi sia una responsabilità reciproca: sia rispetto alla qualità del lavoro che il gruppo sta svolgendo, sia rispetto alle azioni e alle soluzioni individuate lavorando assieme.

Articoli correlati:

  • Il facilitatore dei gruppi /1

    La presenza del facilitatore all’interno di un gruppo ne rende più facile ed efficace il lavoro.
    Ma quali attenzioni e quali competenze deve avere il facilitatore?

Progetti in evidenza:

Altri articoli